La 911 prima serie

911-prima-serie

 

Pur immediatamente ottenendo un buon successo di vendite, la “911” fu inizialmente investita da forti polemiche e contestazioni, soprattutto rivolte all’eccessivo prezzo di listino e alla problematica tenuta di strada.

La questione del prezzo, provocò un vero e putiferio di rimostranze da parte della clientela Porsche, dato che il nuovo modello era proposto all’astronomica cifra di 23.900 DM, con un aumento di oltre 7.000 DM, rispetto alla “356”. A seguito delle proteste, l’azienda decise di ridurre il prezzo della “911” a 22.400 DM. Inoltre propose una versione con finiture modeste e motore a 4 cilindri derivato dalla “356”, al contenuto prezzo di 17.500 DM, poi divenuta “912” dall’aprile 1965.

Di soluzione non altrettanto facile furono le carenze tecniche lamentate dalla clientela che si tramutarono, nel 1966, in un dimezzamento delle vendite, passando alle 1.709 vetture consegnate, contro le 3.389 dell’anno precedente. Venivano lamentate la scarsa ventilazione e l’eccessiva rumorosità nell’abitacolo, il comportamento nervoso della vettura e, soprattutto, l’instabilità direzionale oltre i 130 km/h e il notevole effetto sottosterzante.

La 911 era una coupé 2+2 (gli affinamenti avevano ridotto lo spazio posteriore), con motore posteriore a sbalzo, trazione posteriore, sospensioni a 4 ruote indipendenti con barre di torsione, 4 freni a disco e cambio meccanico a 5 rapporti (spesso 4 per gli USA). Il 6 cilindri boxer raffreddato ad aria e alimentato da 2 carburatori Solex triplo corpo che la muoveva aveva una cilindrata di 1991 cm³ e una potenza massima di 130 CV.

Fonte: Wikipedia